Maria Rosaria Marino

Ho scoperto la fotografia tardi e un po’ per gioco, partecipando nel 2012 al concorso on line Fotofocus della Sony e in seguito, più seriamente, seguendo i corsi di Paola Bordoni.

Per me la fotografia è affannosa ricerca del bello, di una geometria, di un’incongruenza o di un contrasto. Non è importante il punto d’arrivo, il risultato che si manifesta con lo scatto, ma il percorso emotivo che porta ad individuare in quell’immagine il fine della propria ricerca personale.

Questa presentazione richiede JavaScript.