La mostra “MAAM: il museo abitato” – di Angela Maria Russo

Mondi paralleli di Angela Maria Russo

Presso  la Biblioteca Comunale G. Marconi una nuova mostra del gruppo romano PHOTOUP, questa volta dedicata al MAAM il Museo Abitato.

Una mostra molto interessante, non ero mai riuscita a visitare il MAAM e quindi per me è stata l’occasione per poter conoscere questo luogo attraverso gli scatti dei bravissimi fotografi.Per aprire la mostra è stata scelta una foto che raffigura un esercito, dipinto dall’artista Stefania Fabrizi, che sembra stia lì a controllare e difendere il luogo da influenze negative, pregiudizi e “benpensanti” stereotipati e giudicanti.

Antonella Simonelli
Antonella Simonelli

Dalle foto in esposizione emerge la realtà di questo luogo che, da desolato sito dell’abbandono, è diventato luogo di incontro e di condivisione di esperienze.

Maurizio De Angelis
Maurizio De Angelis

L’edificio è abitato da numerose famiglie che vivono come possono in questa struttura resa magica dai mille artisti che da qui sono passati, si sono fermati e sono ripartiti lasciando agli abitanti il loro messaggio.

Troviamo animali, persone e personaggi che si muovono in una specie di danza. Bambini che attraversano tranquilli, in bicicletta, le stanze piene di graffiti.

Michela Poggipollini
Michela Poggipollini

Raggi di sole che catturano momenti sereni e creano così atmosfere meditative e sognanti. Costellazioni dipinte su cieli blu che raccontano il mondo e il suo divenire facendo sperare in un futuro più rassicurante e gioioso.

Stanze e cortili, che ricordano le scatole cinesi, con una sorpresa in ognuna di esse.Colori e forme dappertutto, segni appena accennati, altri invece decisi. Colori accesi e sfolgoranti che ricordano il fuoco, la sua luce e il suo calore. Bianco e nero, che rendono il segno freddo e determinato. Panni stesi colorati che diventano, a loro volta, opere d’arte nel momento che vengono catturati e resi eterni dall’obiettivo.

Lucio Baldelli.jpg
Lucio Baldelli

Stanze decorate con favole per bambini che, come tutti i bambini del mondo, cercano storie. Una “Pietà” abbandonata che fa pensare alle tragedie del mondo. Una porta che per sottolineare il suo ruolo lo ricorda con la scritta “casa” dando così dignità ai suoi abitanti dei quali ritroviamo la vita che scorre nei panni stesi appena fuori di quella porta.

utilRequest (1)
Antonella Di Gianfelice

E una bacinella azzurra come il mare piena di panni da lavare e di ricordi.

M.Rosaria marino
Maria Rosaria Marino

Per finire sopra ad un tavolo occupato da giochi di bimbi, dietro la finestra le nuvole bianche e morbide, che sembrano uscite da un quadro di Magritte, abbelliscono la foto, creando un sogno e una speranza. Nel vetro un piccolo foro e forse da lì si potrebbe tenere il filo di un coloratissimo aquilone che volerebbe libero. Così come sognano di volare liberi i personaggi, abitanti fissi oppure di passaggio, di questa complicata struttura, piena di mondi paralleli che per una sorta di alchimia si sono incontrati, dimostrando così che un’altra via è possibile.

 

Persone in ambienti astratti di Michela Poggipollini

Nella mia  prima presentazione su questo Magazine: “Marine Nordiche”,  riprese nel Nord Europa, i soggetti delle mie foto erano le persone, prese da lontano e quindi piccole o piccolissime, che camminavano su e giù sulle spiagge impossibilitati a sedersi per via delle maree.

02 Poggipollini Michela

In questa nuova raccolta di foto, selezionate tra immagini che nel tempo ho scattato a Roma o nei miei viaggi, sono tornata a scegliere  come soggetti persone riprese da lontano, non più inserite in ambienti naturali bensì in luoghi astratti, irriconoscibili e quasi enigmatici.

03 Poggipollini Michela

04 Poggipollini Michela

Queste architetture hanno forme particolari: angoli a gomito o che si spezzano creando triangolazioni, raggiere che si dipartono da punti invisibili e che si incrociano tra loro, muri trasparenti o a squame, curve  semplici o contorte come serpenti.

05 Poggipollini Michela

06 Poggipollini Michela

Anche i colori si susseguono gradualmente partendo da un azzurro intenso, per passare al verde con l’azzurro ed arrivare attraverso cenni di rosso ad un rosso pieno che si spegne nel bianco.

07 Poggipollini Michela

08 Poggipollini Michela

In questo contesto le persone, sia che siano concentrate  a far qualcosa,  vaghino senza meta o in trasparenza salgano le scale, sollecitano comunque la nostra attenzione.

09 Poggipollini Michela

10 Poggipollini Michela

MAAM: il museo abitato

Il Circolo Fotografico PhotoUp presenta la mostra: “MAAM: il museo abitato” in esposizione dal 9 marzo al 6 aprile presso la Biblioteca Comunale Guglielmo Marconi di Roma.

Il MAAM rappresenta un’esperienza unica nel suo genere; inserito nell’ex stabilimento del salumificio Fiorucci sulla Prenestina, all’estrema periferia est di Roma, è al tempo stesso alloggio per famiglie disagiate ed esposizione in continuo divenire di murales, sculture e manufatti artistici che, a pieno titolo, si devono considerare spesso dei veri capolavori. Ciò che rende ancora più unico il MAAM è la coesistenza delle immagini fissate sulle pareti o negli spazi lasciati vuoti dai macchinari con quelle della vita quotidiana degli occupanti. I due mondi, quello della mostra d’arte e quello della quotidianità, non si ignorano né si scontrano ma convivono serenamente perché l’uno si alimenta dell’altro e si mostrano con distacco agli occhi del visitatore.
La mostra si articola in due sezioni in ognuna delle quali saranno esposti due gruppi di circa 50 foto; il primo gruppo dal 9 marzo (giorno dell’inaugurazione) al 22 marzo, il secondo dal 23 marzo al 6 aprile.

 

Mostra fotografica: Visioni di Gruppo#7

Venerdì 14 dicembre si è inaugurata nella sede romana di Officine fotografiche la mostra annuale “Visioni fotografiche#7” nella quale hanno esposto due soci del Circolo Antonella Simonelli e Stefano Marcovaldi. la mostra sarà aperta fino al 10 gennaio.

 

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

Foto di Antonella Simonelli

thumbnail

Foto di Stefano Marcovaldi

Ostuni – La città bianca di Sergio D’Alessandro

Ostuni è una cittadina del Salento in provincia di Brindisi. Il centro storico, che gli abitanti chiamano “La Terra”, un tempo era caratterizzato dalle case interamente dipinte di bianco.  Oggi questa caratteristica si è un po’ persa e, nonostante la presenza ingombrante di piccoli negozi di souvenir, di bar e ristoranti, mantiene un fascino tutto particolare, difficile da dimenticare.

Il centro storico inizia da Piazza della Libertà con una serie di stradine e vicoli che salgono ripide e tortuose verso la piazza della Cattedrale; si incontrano un po’ dovunque archetti, sottovie  e contrafforti che sostengono le due case ai lati del vicolo.

 

Ostuni 2

Ostuni 3

Ostuni 4

Ostuni 5

Ostuni 6

Ostuni 7

Ostuni 8

Ostuni 9

Il mio viaggio a New York e San Francisco di Michela Poggipollini

Erano anni che desideravo visitare l’America ed in particolare New York e San Francisco. Finalmente si è presentata l’occasione e sono partita piena di aspettative.  Sono architetto ma, ora che sono in pensione, soprattutto fotografa. Queste città, belle sopra ogni aspettativa, mi hanno offerto molto anche in campo fotografico.

2

Sono andata lì col preciso intento di fotografare  palazzi e grattaceli, non visti dal basso verso l’alto a bucare il cielo e perdersi nella foschia o inseriti  nel loro contesto cittadino, ma ripresi ortogonalmente,  per ottenere delle inquadrature globali dei grattacieli ed evidenziare i particolari più significativi quando si trattava di edifici.

3

Per ottenere questo effetto, avevo la necessità di inquadrare i grattaceli da molto lontano. Così il primo giorno mi sono recata a Brooklyn, attraversando a piedi il bellissimo ponte, dove sapevo che il fiume Hudson mi avrebbe allontanato a sufficienza da Manhattan. Mi aspettavo di riprendere tutti grattaceli moderni ed invece  la vista che trovai fu molto più particolare ed interessante. C’era la storia dell’architettura di questa parte di città, grattaceli moderni accostati ad edifici e grattaceli  antichi ed il riflesso di una gru parlava anche di futuro.

4

5

Nella seconda parte  del portfolio, realizzato, soprattutto a San Francisco, oggetto delle mie foto sono stati  edifici più bassi, che non mi interessava riprendere  nella loro interezza come i grattaceli di New York,  bensì,  adottando la stessa tecnica, concentrarmi sui loro particolari  più significativi.

6

Anche qui le foto più  interessanti sono state quelle dove  un edificio antico era accostato ad uno moderno.

7

Il portfolio è così suddiviso in due parti. Le prime tre foto riprendono i grattaceli di Manhattan,  le successive  prevalentemente riprese a San Francisco, sono edifici di diverse tipologie.

8

9

I ritratti di Zhuang Xueben di Elisabetta Manni

di Elisabetta Manni

Zhuang Xueben, nasce a Shangai nel 1909. Inizia a lavorare come fotoreporter per la rivista Liangyou (良友 – The Young Companion) di Shangai. Nel 1934 intraprende un viaggio lungo 10 anni verso le regioni occidentali della Cina tra cui Sichuan, Yunnan, Gansu e Qinghai, terre sconosciute abitate da minoranze etniche come i Qiang, Tibetani, Yi, Dongxiang, Bao’an, ecc.

I suoi appunti e le sue fotografie sono rimasti troppo a lungo dimenticati e solo dopo la sua morte si è compresa l’importanza storica di quel patrimonio artistico e culturale. Grazie al figlio, ad oggi possiamo godere a pieno di quei ritratti enigmatici e intensi di quei popoli, ormai, quasi del tutto perduti.

 

Donna con bambino di etnia Yi

Donna di etnia Qiang nel villaggio di Baoxigou

I suoi diari e le sue fotografie documentano la vita quotidiana e le tradizioni culturali di questi popoli e ad oggi questo patrimonio ha acquisito un valore accademico soprattutto in campo antropologico. Proprio in quegli anni la società cinese sosteneva che le minoranze etniche fossero dei barbari con i capelli arruffati, dei carnivori che vivevano in vaste aree selvagge.

Donne adornate del villaggio di Shigutun

Madre e figlia nel villaggio di Baqinao

Nel 1965 durante la Rivoluzione culturale messa in atto da Mao Zedong, Zhuang Xueben venne espulso per “problemi storici”, fa ritorno quindi a Shangai con la famiglia e lascia la carriera fotografica, inoltre gran parte del suo lavoro venne bruciato.

I suoi appunti e le sue fotografie sono rimasti troppo a lungo dimenticati e solo dopo la sua morte si è compresa l’importanza storica di quel patrimonio artistico e culturale. Grazie al figlio, ad oggi possiamo godere a pieno di quei ritratti enigmatici e intensi di quei popoli, ormai, quasi del tutto perduti.

Signore dell'etnia Black Yi e il suo servitoreUomo di etnia White Yi

Sources: http://photographyofchina.com/zhuang-xueben/

https://artsandculture.google.com/asset/father-of-the-white-yi-man-gou-shifa/nwESrssz0WCTAQ