La città del Sole

Lavoro collettivo di alcuni soci di PhotoUp

Testo di Pino Giovine

Immagine in copertina di Pino Giovine

La “Città del Sole” individua l’intervento inserito all’interno del programma di valorizzazione delle rimesse Atac intrapresa dal Comune di Roma per i depositi ormai in disuso.

Maurizio de Angelis
Maurizio De Angelis

A tal proposito, il progetto, firmato dallo studio romano Labics, risultò vincitore di un concorso bandito dal Comune di Roma nel 2007 con l’intento di recuperare l’area dell’ex rimessa Atac edificata negli anni ’30 dallo IACP, sottraendola al degrado nel quale era immersa da anni.

Antonella Simonelli
Antonella Simonelli

La “Città del Sole” è un complesso di edifici con uffici, spazi commerciali e circa 80 residenze, realizzato in un’area a ridosso del quartiere popolare ICP Tiburtino II, costruito negli anni Trenta in quella che allora era l’estrema periferia della città.

Magda laini
Magda Laini

Il tentativo fu quello di realizzare una porzione di città integralmente e realmente sostenibile a tutela dell’ambiente e del benessere degli abitanti, con nuovi servizi e spazi urbanistici. Il complesso si trova a poca distanza da Piazza Bologna, dall’Università La Sapienza, dal Policlinico Umberto I e dalla nuova Stazione AV Tiburtina.

Lillo Fazzari
Lillo Fazzari

Tutto il complesso si pone in continuità e in rottura con l’edificio di fronte, la Casa del Sole, progettata negli anni ‘30 dall’Arch. Innocenzo Sabbatini.

Simonetta Orsini
Simonetta Orsini

La “pelle” dei corpi di fabbrica valorizza e contraddistingue i vari fronti, privi di elementi descrittivi, così da favorire la  percezione dei volumi, che devono inserirsi sia nel contesto, ma anche identificarsi all’interno di spazi aperti poco definiti.

Lucilla Silvani
Lucilla Silvani

Le tipologie funzionali dettano in facciata i ritmi degli involucri: il piano-terra commerciale si contraddistingue per le sue ampie superfici vetrate, la parte direzionale è  invece scandita da elementi “brise-soleil” verticali in alluminio, i quali assolvono alla funzione di protezione dall’irraggiamento termico ed all’alleggerimento del volume del basamento.

Lucio baldelli
Lucio Baldelli

Durante gli scavi è venuto fuori dal silenzio dei secoli una notevole e vasta area archeologica non conosciuta col ritrovamento di numerosi reperti.

M.Luisa Giorgi
Maria Luisa Giorgi

Benchè prevista in progetto, la biblioteca di quartiere, ubicata proprio all’interno dell’ex deposito Atac, è di fatto  l’unica opera pubblica dell’intero progetto, ma che è purtroppo ancora lungi dall’essere realizzata.

Sergio D'Alessandro
Sergio D’ Alessandro